• slidebg1

Dermatite allergica da contatto

 La dermatite allergica da contatto ( DAC) è per definizione qualunque dermatite causata da un esposizione continua o da un contatto saltuario ma abituale verso la sostanza che si comporta da allergizzante. Naturalmente DAC è più frequente nell’età adulta, essendo dovuta principalmente l’esposizione continua sostanze allergizzanti, che vengono a contatto della pelle per motivi professionali (ad esempio l’eczema delle mani delle casalinghe, l’eczema da calce è da cemento dei muratori, l'eczema da coloran è da permanen dei parrucchieri ecc.). Essa invece molto meno frequente nell’età pediatrica e colpisce solitamente i bambini adolescenti, se sono atopici.

Manifestazioni cliniche

L’eczema si manifesta essenzialmente nella zona cutanea che è venuta a contatto con l’allergene in causa. Solitamente compare dopo qualche giorno, alla prima esposizione verso l’allergene, o dopo 24-48 ore nelle fasi successive, con la comparsa di cute più o meno intensamente eritematosa, con la comparsa di cute più o meno intensamente eritematosa, con vescicolazione ed essudazione più o meno intensa, a seconda della gravità della manifestazione clinica stessa. Nei bambini è frequente la sovrainfezione microbica delle lesioni eczematose, a causa del prurito e del conseguente trattamento. La localizzazione più frequente della DAC è sul viso ( palpebre, padiglione auricolare, labbra e regioni periorale) e sulle mani, anche se praticamente qualunque distretto di tutto il tegumento cutaneo può essere colpito dalla DAC. Bisogna però stare attenti ai falsi eczemi da contatto, che costituiscono quasi una costante in età pediatrica. Infatti molte dermatiti palpebrali, che si manifestano con cute arrossata, a margini netti, a superficie  desquamante,  completamente asintomache, ad andamento cronicorecidivante, con regressione transitoria durante i mesi estivi con l’esposizione ai raggi del sole, accompagnata a volte da blefariti ricorrenti, devono far sospettare una forma di psoriasi minima sempre di localizzazione della malattia psoriasica. Ricordiamo qui infatti che l’unica forma di dermatite allergica da contatto, possibile naturalmente solo nelle bambine, è quella che interessa il luogo o entrambi i lobi del padiglione auricolare ed è dovuto all’uso degli orecchini di bigiotteria, che contengono elevate quantà di nichel, che, com’è noto, costuisce all’allergene più frequente più comune nel determinare una DAC. Anche le cheiliti, abbastanza frequenti nei bambini e le dermatiti periorali stesse devono far escludere altre patologie (psoriasi, infezioni microbiche). Spesso queste forme cliniche sono modificate dall’abitudine che hanno molti bambini di leccarsi continuamente le labbra sia per umettarle sia per lenire il prurito, quando contemporaneamente è presente anche una dermatite periorale. Si hanno così quelle entità cliniche meglio conosciute con il termine di dermatiti periorali artefatte, dov'è il movimento ossessivo- compulsivo del bambino  si evidenzia clinicamente con una dermatite infiammatoria ma aflegmastica, con bordi talmente netti che sembrano disegnati con il compasso, non pruriginosa e con andamento- recidivante. E già durante l’esame clinico del piccolo paziente non può sfuggire all’occhio esperto dello specialista la ripevità del gesto che è alla base di tale patomimia. Un’altra sede dove è stata descritta la dermatite allergica da contatto è la pianta dei piedi. Dove la cute si presenta eritematosa, non essudante, ma a superficie finemente desquamante, a bordi abbastanza netti e localizzata prevalentemente nella zona di appoggio meccanico del piede. Questa forma viene anche descritta con il termine di dermatosi plantare giovanile.

Diagnosi

Per confermare o escludere una dermatite allergica da contatto l’esame principale da praticare al paziente è costuito dai test epicutanei (patch test). Tali prove vengono effettuate applicando a contatto della pelle del paziente, solitamente quella del dorso, alcune strisce di cerotti, contenenti ciascuno un allergene della serie GIRDCA (Gruppo Italiano Ricerca Derma da Contao ed Ambiente), che comprende tutte le sostanze chimiche più frequentemente causa di eczemi. Solitamente si effettuano due leure: la prima dopo 48 ore la seconda dopo 72 ore ( dell'eczema provocato sperimentalmente. Terapia La terapia della dermate allergica da contao è molto semplice. Per prima cosa, una volta individuata la sostanza allergizzante, bisogna evitare per sempre il contao della stessa con la pelle del paziente. La terapia sintomaca invece comprende l’Impiego di pomate di creme corsoniche, applicate localmente due volte al dì virgola fino alla scomparsa completa della manifestazione clinica e l’uso contemporaneo di anstaminici per via orale, quando la sintomatologia pruriginosa.